Click to Hide Advanced Floating Content
«Parlo come donna, lavoratrice e figlia di migranti». L’8 marzo visto da un’attivista di Non Una di Meno. Una giornata che serve a costruire un «Noi» inclusivo, adatto alle sfide e alle minacce dei nostri tempi

Abbonati a Jacobin Italia per continuare a leggere